Dichiaro di aver letto ed accettato l'informativa sulla privacy. (Leggi l'informativa)
In evidenza

Home > In evidenza > FRESCHEZZA, BENESSERE E IDENTITÀ TERRITORIALE

FRESCHEZZA, BENESSERE E IDENTITÀ TERRITORIALE

Da 30 anni l’energia creativa di Melinda riassume i valori del territorio trentino e dei suoi prodotti migliori rappresentandoli attraverso il proprio brand

I prodotti agroalimentari rappresentano la memoria e la ricchezza di un territorio, sono un patrimonio di tradizioni e gesti che appartengono alla storia dell’uomo e che creano un legame intimo e prezioso con la terra.
Quando poi si parla di prodotti ortofrutticoli, l’argomento diventa ancora più selettivo perchè capace di disegnare confini e differenze produttive in grado di raccontare tutta la bellezza e la diversità dei mille straordinari territori agricoli che compongono il mosaico “Italia”.

Oggi, tra l’altro, è proprio il reparto ortofrutta di qualsiasi supermercato a giocare un ruolo centrale nella partita legata ai nuovi trend di consumo riferiti al benessere e alla salute. Argomenti sensibili attorno ai quali il Consorzio Melinda ha costruito trent’anni di successi e di fidelizzazione partendo da un’idea felicissima e vincente: fare brand di un prodotto sino ad allora anonimo, anche se buonissimo.

“Raccontare al mercato e al consumatore l’anima profonda del nostro marchio e il rapporto di scambio con il territorio in cui la nostra azienda affonda le sue radici è stata la strategia che ci ha consentito di differenziarci. Anzi – spiega il presidente del Consorzio Melinda, Michele Odorizzi – di indicare al mercato un percorso comune, in grado di valorizzare un prodotto semplice come la mela trasformandola in un vero e proprio brand ormai famosissimo”. Distinguersi: ecco l’idea vincente che nel 1989 ha dato il via al progetto Melinda. Ed oggi questo brand è qualcosa di più di una grande azienda che produce e commercializza mele, è diventata un testimone culturale del territorio oltre che un aggregatore sociale, simbolo di valori individuali e collettivi in cui tutti i produttori si riconoscono, al punto che nel 2017 è stata costituita un’alleanza commerciale tra il Consorzio Melinda e il Consorzio La Trentina per rendere più ampia e solida l’offerta produttiva resasi poi definitiva attraverso l’unione in un’unica AOP.

Dal 2018 è così APOT, l’Associazione Produttori Ortofrutticoli Trentini, che commercializza e promuove sia le mele a marchio Melinda, provenienti dalle Valli di Non e Sole, sia quelle a marchio La Trentina raccolte nelle altre valli trentine.

Il Consorzio Melinda è stato dunque capace di coniugare la salvaguardia delle risorse naturali con il mantenimento della produttività dei sistemi agricoli locali, e oggi il brand ideato trent’anni fa che rappresenta 4000 famiglie di produttori della Val di Non e della Val di Sole, esprime appieno valori come naturalità, affidabilità e sostenibilità, ambientale e sociale.

In altre parole il brand Melinda è ambasciatore e interprete di sentimenti e sensazioni positive, perfettamente colte dal mercato, tanto che la riconoscibilità del marchio e del suo famosissimo Bollino Blu è pari al 99%.

Altro motivo del successo di Melinda è stata la sua capacità di interpretare le nuove richieste del mercato, e di consumatori sempre più attenti alla salute e al benessere, allargando lo spettro d’azione a nuove categorie di prodotto. Nascono così i trasformati come le Mousse Melinda e Melinda Melamangio. Sono invece dello scorso anno il Crumble alle mele e grazie alla nuova partnership con Acetum, l’Aceto di mele e la Glassa all’aceto di mele bio con madre naturale. Sempre lo scorso anno i processi di trasformazione delle mele Melinda hanno dato vita a Melinda Squeez, passata 100% naturale, e nel corso di questo 2019 non ancora concluso, ecco Melinda Più che Mela!, la purea di mele Melinda 100% integrale ad alto contenuto di fibre, e una nuova linea di Melinda Melamangio Bio.

“Lo scaffale della gdo si sta evolvendo sempre più velocemente. Melinda ha semplicemente capitalizzato la sua ormai riconosciuta capacità di fare brand, offrendo a consumatori sempre più esigenti prodotti perfettamente in linea con le loro richieste e quindi con target di consumo legati all’area dei prodotti biologici e salutistici. Si tratta di segmenti dinamici e in forte evoluzione che ci hanno permesso di allargare la presenza del marchio all’interno della gdo, ora non più confinato al settore ortofrutta, ma ormai allargato a molti altri settori dei prodotti freschi e confezionati”.

Con un occhio sempre attento alla sostenibilità, il consorzio Melinda ha ora in serbo altre importanti novità, a partire da quella grande risorsa rappresentata dalle Celle Ipogee, magazzini naturali ricavati nella Miniera di Rio Maggiore, e dall’ormai prossima apertura del 4° lotto.

“La nostra filiera, dalla raccolta alla distribuzione, è organizzata e monitorata secondo un’unica ottica condivisa: la sostenibilità. Un valore prioritario – conclude il presidente Michele Odorizzi – ben espresso nello straordinario progetto dell’impianto delle Celle Ipogee, prima e unica struttura al mondo per la frigo-conservazione di frutta in grotte sotterranee in condizioni di atmosfera controllata, che permette di ridurre il consumo di energia elettrica, dimezzare l’utilizzo di acqua e le emissioni di CO2, tutelando e preservando il territorio”. Altra nuova frontiera sarà il futuristico sistema di misurazione della qualità intrinseca delle mele, che presto permetterà di immettere sul mercato un prodotto ancora più controllato. Si tratta di una modernissima tecnologia che andrà a verificare la qualità interna del frutto dopo la raccolta, un’ulteriore analisi che si affianca a quelle già esistenti e di cui Melinda è garanzia.

Confermato anche l’impegno ad accrescere, nella stagione 2020-21, la quota di produzione biologica che passerà dagli attuali 80 ettari a 310 ettari, dei quali l’85% sono ad oggi in 4 speciali distretti bio, tra varietà tradizionali e varietà resistenti di alta qualità.

Il percorso intrapreso nell’ormai lontano 1989 dalle famiglie di produttori di mele trentine si è dunque rivelato vincente ed innovativo sotto tutti i punti di vista. Oggi Melinda è perfetto interprete di un insieme di valori tangibili, come il rispetto per la natura, l’amore per la genuinità e i prodotti della terra e la vicinanza alle famiglie di frutticoltori che, ogni giorno, lavorano per portare sulle tavole un’eccellenza tutta italiana.

CLES (TN)
tel. (+39) 0463 671111

Condividi su:

ARTICOLI SIMILI

MEZZO MILIONE DI ELEMENTI ALL’ANNO PER IL SORRISO

Orodent, leader nella produzione di dispositivi medici in ossido di zirconio per il settore dentale. E 12 anni fa la capacità di riorientare l’impresa

LEGGI L'ARTICOLO
Modena e provincia, una sanità che guarda al futuro

Comune, Università e Aziende Sanitarie avviano il piano per il riordino delle aree ospedaliere

LEGGI L'ARTICOLO
Le ultime e più efficaci tecnologie applicate in neurochirurgia

Si tratta di strumenti performanti che consentono interventi mininvasivi: per il professor Carmelo Sturiale, al Bellaria di Bologna, una certezza quotidiana

LEGGI L'ARTICOLO
Curare le malattie del fegato

Un punto di riferimento è l’Unità Operativa Semeiotica Medica del Policlinico S. Orsola-Malpighi di Bologna

LEGGI L'ARTICOLO
Parkinson: Bologna all’avanguardia nella terapia e nella ricerca

Il professor Cortelli: “Fondamentali sono una tempestiva diagnosi e relativa prognosi”

LEGGI L'ARTICOLO

Una comunicazione integrata,
mirata e personalizzata

Una comunicazione integrata, mirata e personalizzata per rispondere "su misura" ai precisi bisogni del cliente.
Una straordinaria vetrina indispensabile per tutti coloro che desiderino promuovere la propria immagine verso un target di lettori di prestigio.

© 2020 Publiscoop Group | Privacy policy | Cookies policy | Design by Kreativa srl